Napoli: Accetta, penitenziari: il percorso penitenziario come il viaggio di una nave

La nave è simbolo di libertà, un viaggio nel mondo, nella conoscenza, fra lingue, usanze, abiti, sapori, vini, cultura e tradizioni popolari differenti. La nave è come una casa, attracca in porti diversi per rimanere sempre l’unico punto stabile. Su tale scia, propongo un corso per i detenuti inerente la creazione di navi che hanno scandito le fasi storiche come ad esempio il Titanic, l’Amerigo Vespucci, la Luna Rossa, la Nave Victory, la nave Vichinga, le tre Caravelle, la Nina, la Pinta e la Santa Maria, da esporre al pubblico, alla cittadinanza, insieme con  la storia di ogni rispettiva nave e la storia di ogni rispettivo detenuto che l’ha creata. Il ricavato verrà devoluto ai bambini con malattie rare, affinché le vite che hanno spezzato, vengano restituite attraverso opere di solidarietà.Concludo con una frase di Augustus Hare “il pensiero è il vento, la conoscenza la vela e l’uomo la nave”.
Dr.ssa Accetta Francesca Esperta in criminologia e psicologia forense