Bellizzi Irpino: Accetta: solidarietà e sicurezza, la vita oltre le mura

La Casa Circondariale di Bellizzi Irpino è un Istituto ormai al collasso. Le unità di Polizia Penitenziaria svolgono turnazioni oltre i limiti dovuti per assicurare la presenza in servizio a causa della cronica mancanza di personale, rinunciando anche alla pausa pranzo. Ne consegue che il cibo destinato al personale del comparto sicurezza viene sovente gettato via. Si sollecita l’esigenza di inviare risorse umane trasferite ed assegnate in via temporanea per tamponare la situazione di grave disagio e pericolosità per l’ordine e la sicurezza dell’istituto, all’uopo si invitano le associazioni di volontariato a prendere accordi con la Direzione affinché del cibo non consumato possano usufruirne i poveri o i canili, per il progetto “solidarietà e sicurezza, la vita oltre le mura”.
Francesca Accetta GiuristaSpecializzata professioni legaliIscritta all’albo praticanti Foro di AvellinoEsperta in criminologia e psicologia forenseResponsabile sincadale COSP Polizia Penitenziaria