Napoli: La canzone diventa poesia, arte ed emozione

“Munasterio ‘e Santa Chiara … tengo ‘o core scuro scuro … Ma pecche”, pecche’ ogne sera, penzo a Napule com’era, penzo a Napule comm’ e’?!”. Il Monastero, risale al XIV sec., riportato in poesia, tra le note di questa canzone, è situato nel cuore palpitante della Napoli antica, precisamente nella zona dei decumani. La bellezza del complesso monumentale si evince dalle maestose forme della chiesa gotica e del suo rinomato chiostro maiolicato.” A Marechiaro ce sta na fenesta…chi dice ca li stelle so’ lucente, nun sape st’uocchie ca tu tiene ‘nfronte!”Marechiaro è un incantevole borgo che si affaccia sul mare, situato nella zona di Posillipo. La finestrella è stata resa famosa dal poeta Salvatore Di Giacomo. È un luogo ammaliante, pittoresco, dove al paesaggio si affianca il gusto della raffinata cucina partenopea. “Santa Lucia, luntana ‘a te quanta maluncunia”. Santa Lucia è un quartiere che sporge sul mare, nei pressi del Castel dell’Ovo. Napoli, agli occhi di chi scrive è fonte di continua ispirazione e nostalgia per chi sta lontano.
Francesca Accetta