Napoli: Agricoltura, Accetta-Icolari: la tradizione culinaria dell’Area Flegrea

La ristorazione nell’Area Flegrea conserva la semplicità e la tradizione dei piatti “poveri” che arricchiscono la tavola con sapori afrodisiaci e genuini.

Fra le consumazioni di altri tempi, tramandate di madre in figlia, rammentiamo la “cianforte”, un’ insieme di verdure (zucchini, melenzane, peperoni, patate, carote, cipolle e pomodori) cotte in pentola, versate sul pane e condite con un filo d’olio, gli “spaghetti a puvriell”  preparati dapprima con la sugna ed oggi con olio, aglio, acqua della pasta, uova intere e prezzemolo.

Purtroppo la tradizione napoletana si sta dissolvendo perché la nuova cucina ritocca le ricette tradizionali, i cc. dd. “piatti della nonna”, quindi proviamo nuovi gusti, nuovi sapori da cui si genera un nuovo palato.

Ad esempio, in passato pasta e fagioli veniva preparata con i fagioli secchi che emanavano in cucina un profumo “di natura e famiglia”, oggi la preparazione avviene con i fagioli precotti, quindi vale la pena chiedersi, cosa mangiamo!?

Nel cuore della campagna dell’Area Flegrea, troviamo un’azienda a carattere familiare Mirabilia, dal latino meraviglia, perché è favoloso meravigliarsi di fronte ad uno spettacolo di cucina e natura.

Proponiamo l’iniziativa “cucina sull’acqua” a cura di Giovanna Icolari, napoletana di origine russa, supportata dalle figlie Maddalena e Lorenza.

Un posto in cui assistiamo al connubio fra ristorazione tradizionale, area benessere, musica rigeneratrice, ginnastica in acqua, pranzo o cena a bordo piscina e soggiorno, perché la creatività, la fantasia, il mangiar sano e il riposo, fa star bene il corpo e la mente.

                                   Dr.ssa mag.le Francesca Accetta

Scrittrice e Componente Commissione servizi al cittadino Comune di Verbania