Catania:”nebrodi”: Convalidati i 9 fermi che diventano arresti per la ” mafia dei pascoli”

Il Gip del tribunale di Catania ha convalidato ed emesso altrettante ordinanze di custodia cautelare in carcere per i nove indagati, tra presunti capi ed affiliati delle famiglie mafiose di Cesarò e Bronte, fermati martedì scorso, nell’ambito dell’operazione “NEBRODI”, dai carabinieri del Ros, del Comando Provinciale di Messina e della Compagnia di S.Stefano di Camastra. Tra di loro anche GIOVANNI PRUITI (foto in basso sulla dx) e SALVATORE CATANIA (foto in alto sulla dx), considerati i presunti capi delle due consorterie mafiose, quelle dei “pascoli sui Nebrodi”. Sotto mira alcuni imprenditori che volevano ribellarsi. La conferenza stampa si è svolta stamane dove sono stati diffusi video e immagini..

Furti, atti di vandalismo, danneggiamenti, fino all’uccisione di animali, come un maiale con il cui sangue sono vergate scritte di minacce, e la promessa della morte violenta. E’ l’escalation del gruppo legato a Cosa nostra di Catania, secondo l’inchiesta della Dda della Procura etnea, nell’aggressione a tre proprietari terrieri dei Nebrodi per costringerli a vendere le loro terre, 120 ettari di bosco del Parco in territorio di Cesarò. Minacce che hanno portato, nei giorni scorsi, all’esecuzione di fermi nei confronti di nove indagati, eseguiti da carabinieri del Ros di Catania e del Comando Provinciale di Messina, che sono stati trasformati in ordinanza di custodia cautelare in carcere dal Gip del tribunale di Catania. Al centro dell’inchiesta il tentativo di aggirare il “Protocollo Antoci” acquisendo terreni da privati, e non da enti pubblici, che non sono sottoposti all’obbligo di presentare certificazione antimafia per ottenere fondi europei. Il gruppo aveva versato una caparra di 200.000 euro per acquistare un terreno, promettendo il versamento complessivo di 400.000 euro, che avrebbero fruttato 50.000 euro l’anno di Fondi Ue per l’agricoltura. E avrebbe ampliato la proprietà di uno degli arrestati, Giovanni Pruiti, 41 anni, considerato il capo del gruppo di Cesarò, che aveva fondi confinanti.

I NOMI – Tra gli arrestati anche Salvatore Catania, detto “Turi”, di 55 anni, di Bronte, indicato come il capo di Cosa nostra, per conto della famiglia Santapaola-Ercolano, di Bronte, Maniace e Randazzo. Gli altri destinatari del provvedimento sono Roberto Calanni, di 37 anni, nato a Paternò; Giuseppe Corsaro, di 33, di Bronte; Antonino Galati Giordano, di 34, di Bronte; Luigi Galati Giordano, di 32, di Bronte; Salvo Germanà, di 41, di Bronte; Carmelo Lupica Cristo, di 62, nato a Tortorici e Carmelo Triscari Giacucco, di 44 anni, di Cesarò. Le indagini dei carabinieri sono state coordinate dal Procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro e dal sostituto procuratore della Dda Antonino Fanara.“Sui Nebrodi c’è una cappa che pesa sulla libertà delle persone, che va spezzata”, ha affermato il Procuratore Zuccaro. Lo dimostra anche, ha sottolineato il magistrato, “l’omertà delle vittime che subiscono le intimidazioni”. Il Procuratore ha “ringraziato per le indagini svolte con tempismo e grande professionalità dai carabinieri del Ros di Catania, del Comando Provinciale di Messina e della Compagnia di S.Stefano di Camastra”. “L’operazione dei carabinieri ha svelato come la mafia dei Nebrodi stia tentando di aggirare i vincoli posti dal “Protocollo Antoci” nell’erogazione dei contributi comunitari in agricoltura”, ha dichiarato il comandante provinciale dei carabinieri di Messina, colonnello Iacopo Mannucci Benincasa. “Le indagini condotte dall’Arma – ha aggiunto l’ufficiale in conferenza stampa – hanno infatti permesso di fare luce su una serie di estorsioni di cui erano vittime alcuni imprenditori agricoli, costretti a cedere a esponenti del clan Santapaola ogni diritto su centinaia di ettari di terreno, per acquistare i quali avevano già versato oltre 250.000 euro. I nove arresti – ha sottolineato il colonnello Mannucci Benincasa – hanno posto fine al clima di terrore, fatto di macabre intimidazioni e violente aggressioni, che ormai si respirava tra gli allevatori della zona”.