GIARRE – Trend positivo con il 5% in più.. Ma rimane ancora meta “MORDI E FUGGI”

Le molte presenze dei turisti stranieri nei mesi di Giugno e Luglio nel comprensorio giarrese hanno fatto ben sperare per la crescita del turismo estivo a Giarre.

Dai dati rilevati dal modulo visitatori – spiega il presidente della Pro Loco di Giarre Salvo Zappalà – si è notato un fievole incremento dei turisti nel mese di giugno, la stima è di circa il 5 % in più rispetto allo stesso periodo del 2015.

Turisti provenienti soprattutto dalla Francia, dall’Inghilterra e dall’Australia, ma non sono mancati quelli provenienti da: America, Belgio, Lituania, Olanda, Danimarca, Spagna e Germania. A seguire Milano, Lecce, Roma, Padova e Varese e buona parte di turisti del Sud Italia che hanno scelto varie mete sicule, in particolare per le zone marittime la costa jonica da Riposto a Giardini; mete favorite dalla posizione particolare che hanno  Giarre e Riposto situate al centro rispetto alle altre due mete vacanziere come Acireale e Taormina.

La locale pro Loco che da tempo ha attivato uno sportello informativo di cui il servizio è di promozione turistica funge da supporto per i turisti in vacanza, ha realizzato il nuovo depliant “Giarre e i comuni del porto dell’Etna”, offrendolo a tutti i visitatori insieme al materiale informativo delle varie attrazioni del comprensorio, aggiornato con le diverse strutture ricettive presenti, che sono in aumento nel territorio giarrese: da 225 posti letto si è passati a 250 posti letto tra B&B e Agriturismi tra cui un nuovo Hotel Spa. Ma non solo, infatti la pro Loco stessa accoglie anche le lamentele dei turisti che riguardano la mancanza di pulizia nelle strade e l’assenza di un asse di trasporti decente che possa mettere ben collegamento le cittadine marinare con l’attrazione principale del luogo: l’Etna.