Maletto: Chiesta verifica degli atti dello scioglimento del C:C:

Continua il giallo dello scioglimento del Consiglio comunale di Maletto, a seguito delle dimissioni di 8 consiglieri. Il consigliere Domenico De Gennaro, indipendente, in una lettera inviata all’Assessorato regionale Autonomie locali, al Prefetto di Catania, e al Segretario del Comune di Maletto, scrive che il 19 aprile scorso ha chiesto al segretario del Comune di Maletto, la visione delle dimissioni degli 8 colleghi.

La richiesta che il 27 aprile, venne respinta con queste motivazioni: “interesse diretto, concreto ed attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è richiesto l’accesso”. De Gennaro, il 3 maggio, chiede di avere accesso agli atti, che come Consigliere è una richiesta più che legittima, ma il 4 maggio con ulteriore nota, gli veniva risposto che non era più in carica e dunque non poteva avere gli atti. Tuttavia, fino ad oggi, De Gennaro, non ha ancora ricevuto la notifica dell’avvenuto scioglimento del Consiglio comunale. Inoltre, scrive, le dimissioni di 6 consiglieri sarebbero avvenute in una lettera collettiva, procedura che in diversi Comuni ha dato adito a ricorsi che sono stati totalmente accolti, annullando le dimissioni. De Gennaro quindi chiede all’assessorato una verifica degli atti, e la sospensione in auto tutela della nomina del commissario, nomina non ancora deliberata, ma assegnata alla d.ssa Daniela Leonelli. Infine chiede al Prefetto di verificare se il procedimento adottato dalla segretaria sia lineare o costituisca reato.LUIGI SAITTA Fonte “La Sicilia” del 13-05-2016